10 buoni motivi per visitare l'Abruzzo

10 buoni motivi per visitare l’Abruzzo

Forse è vero, siamo un po’ di parte, ma l’Abruzzo è una di quelle regioni che ti resta nel cuore. Per esperienza personale, posso affermare che sono davvero tanti i visitatori che, una volta arrivati in questo territorio, tornano volentieri attratti dalle molteplici particolarità che questa regione evergreen ha da offrire. Per carità! la crisi e le situazioni degli ultimi tempi, non hanno risparmiato nessuno, ma tutto sommato, è opportuno rilevare che, almeno dal punto di vita turistico-enogastronomico (non senza difficoltà) questa regione ha davvero tantissimo di cui potersi vantare. Meta ambita – come detto – di turisti da “ogni dove” è apprezzata per la sua invidiabile – dicono – stagione delle nevi e, anche se, fino a poco tempo fa, la maggior parte dell’affluenza era per lo più europea, ad oggi si stima anche una buona fetta di visitatori anche extra oceano.

Più volte valorizzata anche all’estero, la regione Abruzzo è stata spesso annoverata come focus turistico del Bel Paese. Tra i suoi Castelli perfettamente conservati, i territori storico romani, l’arte antica, l’immenso parco nazionale che comprende anche Lazio e Molise, denota nel tempo, un numero sempre maggiore di itinerari da parte dei curiosi sempre alla ricerca di destinazioni meno conosciute.

Per farla breve potremmo dire: l’Abruzzo ha tutto! ma perché limitarsi alla banalità? laghi, costa adriatica, parchi nazionali, imponenti catene montuose, siti patrimonio dell’UNESCO, alcuni dei borghi medievali più belli del paese e una cucina eclettica e diversificata che cambia dalla spiaggia alla montagna.

Di facile accesso, specialmente da Roma, come dal proprio aeroporto a Pescara, che serve – tra l’altro – alcune delle principali città italiane, britanniche ed europee, l’Abruzzo ha qualcosa per tutti, dal viaggiatore enogastronomico al viaggiatore avventuroso e sportivo.

Ecco 10 buoni motivi per innamorarsi dell’Abruzzo

1. Spiagge idilliache

Ne avevamo parlato strettamente in un articolo precedente, ma si può tranquillamente ribadire che l’Abruzzo mantiene, in termini di lunghe distese di spiaggia sabbiosa lungo l’Adriatico, un aspetto a cavallo tra sogno e realtà. Spesso, sono state fatte delle osservazioni tipo “non ha la reputazione balneare della Costiera Amalfitana, della Sicilia o della Sardegna” ma, onestamente conserva di sé quell’aspetto “narrativo” che solo un classico può trasmettere! e, se mantiene nel tempo, la sua buona dose di visitatori, significa che tutto sommato conserva la sua bella figura, che personalmente associo a “Il vecchio e il mare” di Ernest Hemingway.

 

10 buoni motivi per visitare l'Abruzzo
Credits@Immagine-Meteonetwork 
Inoltre, cosa non da poco, le spiagge che ricevono costantemente la bandiera blu italiana per le acque incontaminate sono proprio a Chieti o nella provincia di Teramo. Ortona, ad esempio, è popolare tra la gente del posto e vanta numerosi stabilimenti balneari; oppure Pineto, un’altra località turistica con spiagge sabbiose ombreggiate da numerosi pini da cui la stessa prende nome.
A sud, troviamo Vasto, un famoso villaggio di pescatori romano che sfoggia un lungo tratto sabbioso, e il caratteristico borgo medievale arroccato in alto con incantevoli viste sul mare.
******

2. Laghi affascinanti e sorgenti naturali

Il Fascino naturale dell’Abruzzo, concorre con ogni regione della penisola. Esalta ben 7 laghi pittoreschi, dov’è possibile fare campeggio; oppure prenotare una vacanza alla ricerca di coccole e relax e soggiornare in alberghi e B&B a costi discretamente contenuti; inoltre, è possibile, per i più dinamici, fare sport acquatici – come rafting e canoa – tramite strutture ben organizzate e disposte all’accoglienza. Il Lago di Bomba, con le sue località turistiche nelle vicinanze è uno dei più affascinanti, ciononostante il Lago di Scanno (il lago a forma di cuore) o il lago di Barrea sono tra i più belli e mistici, circondati da montagne e strade tortuose che quasi s’intersecano tra scorci rocciosi e sentieri multi sfaccettati.
10 buoni motivi per visitare l'Abruzzo
Lago di scanno (lago a forma di cuore)10 buoni motivi per visitare l’Abruzzo
Infine, le Sorgenti del Pescara (riserva naturale con sorgenti cristalline) della cittadina di Popoli è un’altra nota da aggiungere alle passeggiate preferite dei visitatori, in particolare nelle calde giornate estive.
3. Piste da Sci ed escursioni

L’Abruzzo è conosciuto come la “regione verde d’Europa”, per la presenza di grandi distese – oggi parchi protetti – tra cui il Parco Nazionale della Majella. Grazie a questi paesaggi di montagna, non c’è da meravigliarsi che città come Roccaraso, Castel di Sangro, Ovindoli e Campo Felice siano calamite per gli sciatori accaniti d’Italia e di altre parti d’Europa.
Ogni anno in queste zone, tranne in casi rari, la neve è abbondante e copiosa ma soprattutto abbastanza pesante e duratura da permettere una buona stagione sciistica. In aggiunta, con le Cinquemiglia (una pianura lunga appunto cinque miglia e alta 1.200 metri), l’Abruzzo offre, ad altre destinazioni alpine, uno spettacolo da non perdere (ad un costo molto inferiore rispetto ad altre località più rinomate).

******
10 buoni motivi per visitare l'Abruzzo
Rocca Calascio10 buoni motivi per visitare l’Abruzzo

Un terzo della regione, come detto, è costituito da parchi nazionali, grandi distese che rendono la regione la più rurale d’Italia. Nei mesi più caldi, i sentieri escursionistici in molte città, sono perfetti per chi ama i grandi spazi aperti. Alcuni dei migliori sono nel Parco Nazionale d’Abruzzo e nel Parco Nazionale della Majella.

4. Indietro nel tempo: le città medievali

Lontano dal caos delle città medievali più famose d’Italia come ad esempio Siena o San Gimignano, luoghi come Pescasseroli, Tagliacozzo e Santo Stefano di Sessanio offrono esperienze più autentiche e paesaggi mozzafiato. Rocca Calascio, tra i più caratteristici, risale al Medioevo, ed è – per chi non la conoscesse ancora – una fortezza in cima alla montagna più alta d’Italia. Dall’imponente vetta caratteristica, vanta una torre di guardia del 10° secolo e rimane la fortezza più alta di tutta Italia, a quasi 1.500 metri sul livello del mare. Orgoglio abruzzese, fra tanti, è stata recentemente nel mirino di un ambito premio destinato ai borghi per il rilancio e l’attrattività turistica. Rocca Calascio, come altri paesi d’abruzzo, si trovano su pareti rocciose imponenti e con catene montuose come sfondo.

 

******

5. I Confetti di Sulmona e le Sise delle Monache di Guardiagrele

Sulmona, famosa per confetti e torroni, ha una straordinaria produzione dolciaria. La città si trova all’interno di una valle protetta dall’UNESCO, un tempo un lago scomparso (epoca preistorica).
Le strade qui sono fiancheggiate da creazioni floreali fatte di confetti ricoperti di carta colorata e raggruppati in bouquet o in diversi design per tutti i gusti, corollati da fiori, coccinelle, api e così via. Si possono comprare queste delizie in tutti i gusti immaginabili – Nutella, tiramisù, ricotta e pera, frutti di bosco, nocciola, insomma una lista infinita che da sola vale la pena di farci un salto. Guardiagrele, in provincia di Chieti, ha sviluppato rapidamente una reputazione locale come città gastronomica. Ed ha persino il “suo” dolce, che la popolazione locale chiama Le Sise delle Monache, (o Sise de Mòneche) per via della sua forma arrotondata e vivace. Questa specie di bignè (per convenzione) ripieno di crema chantilly è più comunemente mangiato alla Pasticceria Emo Lullo (Via Roma 105, Guardiagrele).

10 buoni motivi per visitare l'Abruzzo
Sise de Mòneche 10 buoni motivi per visitare l’Abruzzo

 

6. La Costa dei Trabocchi

La Costa dei Trabocchi è caratterizzata da vecchie strutture di reti da pesca, costruite su palafitte, conosciute come trabocchi. Questa costa, di 70 chilometri protetta dall’UNESCO, si estende da Ortona a San Salvo, in provincia di Chieti. La sua caratteristica più evidente è un insieme di strutture di reti da pesca conosciute – appunto – come trabocchi. Storicamente queste strutture, erano usate dai pescatori per aggirare le acque profonde e raccogliere varietà di pesci come acciughe, sardine, orate e branzini.
Anche se molti di questi, oggi, non sono più in uso perché non possono competere con la tecnologia di pesca moderna, alcuni sono ancora gestiti da generazioni di pescatori e si sono ramificati, operando come ristoranti.

******

10 buoni motivi per visitare l'Abruzzo

7. I ristoranti

Parlare di gastronomia abruzzese spesso risulta “delicato”, perché in Abruzzo sono davvero tanti i locali che offrono un’ottima cucina restando, a volte, su prezzi contenuti. Però, se volessimo dire, in breve, quali sono i migliori ristoranti abruzzesi per chi arriva da fuori non possiamo non citare il Ristorante Reale dello chef Niko Romito, che si trova all’interno di un ex monastero del XVI secolo. Un altro ristorante, stella stella Michelin, è il Café Les Paillotes (Piazza le Laudi 2, Pescara), che si trova sul lungomare di Pescara e si affaccia sull’Adriatico ed è guidato da uno dei più famosi chef italiani, Heinz Beck. 10 buoni motivi per visitare l’Abruzzo

8.Vino di fama mondiale

L’Abruzzo è famoso per il suo Rosso Montepulciano ed è prodotto con l’uva Montepulciano, distinta dall’uva Sangiovese usata per fare il toscano Vino Nobile di Montepulciano. La maggior parte della produzione vinicola della regione è in provincia di Chieti e alcune delle prime bottiglie di Montepulciano che hanno ricevuto l’ambita etichetta di garanzia della qualità DOC (denominazione di origine controllata) sono esposte al museo del vino EnoMuseo di Tollo (Via Cesare Battisti, Tollo).

10 buoni motivi per visitare l’Abruzzo

Alcuni notevoli produttori locali che hanno aperto le loro cantine includono la Cantina Cerretano che produce vini biologici e vegani (Via Ortonese, Orsogna); il Trappeto di Caprafico (Località Caprafico, 35, 66043 Casoli), che produce anche un premiato olio extravergine di oliva. E poi Villa Carrene, una vigna e cantina a conduzione familiare situata a pochi chilometri da Sulmona, nella città medievale di Prezza,. che offre degustazioni su appuntamento (Via San Rocco, 2/A, 67030 Prezza).

*******

9. La cucina Abruzzese

Con le montagne e il mare come confini strategici, la pesca e l’agricoltura sono la linfa vitale di questa regione. La cucina varia significativamente dalla costa, dove spiccano i piatti a base di pesce, fino alle zone interne, dove regnano i legumi e la carne, specialmente la pecora e il maiale.

Arrosticini 10 buoni motivi per visitare l’Abruzzo

Gli arrosticini, sottili spiedini di pecora accuratamente scelti, sono uno dei piatti più famosi. Semplicemente salati e cotti in fornacella a carbone, sono ordinati a centinaia sulle tavole delle famiglie.
L’Abruzzo ha anche una lunga storia di produzione di pasta e produce spaghetti alla chitarra fatti a mano da più di 200 anni. Questa specialità di pasta all’uovo è spinta attraverso uno strumento di legno – la chitarra per la pasta. – che ha delle corde di acciaio inossidabile simili a quelle di una chitarra. Comunemente detto “taglia pasta”.

Amazon

L’Antico Pastificio Rosetano (Via Salara 9, Roseto degli Abruzzi) è uno dei tanti pastifici storici della regione che producono la pasta dalla fine del 1800. Produce il popolare marchio Verrigni con l’acqua delle montagne del Gran Sasso, ed esporta in tutta Italia e oltre. I proprietari Francesca Petrei Castelli e Gaetano Verrigni accolgono gli ospiti per visite in cui possono conoscere il processo di produzione.

10. Arte 

Il periodo più grande e originale della produzione artistica abruzzese fu il medioevo; soprattutto dal XI al  XIV secolo, quando furono erette numerose cattedrali, chiese e abbazie. L’architettura classica della chiesa abruzzese, presenta una facciata rettangolare con coronamento rettilineo; l’esempio più notevole è la Basilica di Santa Maria di Collemaggio, .capolavoro dell’architettura romanica e gotica abruzzese, danneggiata, purtroppo, durante il terremoto del 2009 che devastò L’Aquila.

Cattedrali di rilievo si possono ammirare nelle città di Atri (Cattedrale di Santa Maria Assunta), Teramo (Cattedrale di San Beraldo) e Chieti. La città artisticamente più importante d’Abruzzo rimane L’Aquila, dove si possono trovare tesori come la Basilica di San Bernardino, il castello cinquecentesco, la Fontana delle 99 Cannelle, impreziosita da maschere di pietra per ogni canna, e la già citata Basilica di Santa Maria di Collemaggio.

10 buoni motivi per visitare l’Abruzzo

Ugo Dighero e Gaia De Laurentis protagonisti in Alle 5 da me Previous post Ugo Dighero e Gaia De Laurentis protagonisti in Alle 5 da me
Giulianova: è scomparso il giornalista Francesco De Lucia Next post Giulianova: è scomparso il giornalista Francesco De Lucia
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: