All’Abruzzo 3 Impronte d’Eccellenza Go Wine

All’Abruzzo 3 Impronte d’Eccellenza Go Wine

PESCARA – All’Abruzzo 3 Impronte d’Eccellenza Go Wine. Proprio così. È uscita la nuova edizione 2022 di Cantine d’Italia, la Guida per l’Enoturista che si presenta con una copertina flessibile rinnovata, 820 cantine selezionate, 245 “Impronte d’eccellenza” per l’Enoturismo, oltre 4.400 vini segnalati, circa 1.500 indirizzi utili per mangiare e dormire. E non è finita.

Da segnalare che, con l’edizione 2022, entra in guida tra le cantine abruzzesi Contesa di Collecorvino. Sono in totale 245 le “Impronte Go Wine” nell’edizione 2022: esse rappresentano un segno di “eccellenza” nel campo dell’Enoturismo nazionale e costituiscono una sorta di segno ideale che Go Wine attribuisce alle cantine che hanno conseguito un alto punteggio nella valutazione complessiva su sito, accoglienza e profilo produttivo. Alla grande.

Il volume consiste in un articolato repertorio di cantine, ricco di dati e riferimenti che si aggiorna in ogni edizione, con nuovi inserimenti ed alcune esclusioni. Si tratta dei tre fattori su cui si compone la presentazione delle singole cantine e su cui si definisce una loro valutazione. Proprio così. Vediamoli, dunque. Sito: il luogo dove si trova la cantina, guardando anche alla cantina medesima dal punto di vista architettonico; ma anche sito da intendersi come il patrimonio complessivo di vigneti di cui dispone la cantina.

All’Abruzzo 3 Impronte d’Eccellenza Go Wine

Accoglienza: la vocazione della cantina ad “aprirsi” all’esterno al pubblico con una parallela attività, sia in ambito recettivo: agriturismo, B&B o ristorazione, sia svolgendo iniziative culturali che si rivolgono al mondo esterno. Vino: il profilo produttivo dell’azienda valutato nel tempo, al di là dell’esito di una singola vendemmia; tenendo conto del carattere della produzione, della eccellenza di alcune etichette, della particolare cura verso specifiche tipologie di vini. Esattamente.

Riassumendo. L’Abruzzo si distingue con 16 cantine recensite, tra cui la new entry Contesa di Collecorvino. Di queste 3 ottengono il riconoscimento dell’Impronta Go Wine. Spicca, come anticipato, la cantina Masciarelli di San Martino sulla Marrucina che conferma anche quest’anno le Tre Impronte, massimo riconoscimento nella speciale graduatoria dell’eccellenza nazionale che comprende in totale 16 cantine. Le aziende abruzzesi premiate sono:

Il Feuduccio di S. Maria d’Orni – Orsogna (CH)

Masciarelli – San Martino sulla Marrucina (CH)

Zaccagnini – Bolognano (PE)

Questo l’elenco completo di tutte le cantine della regione che sono recensite nel volume:

Agriverde

Barba Fratelli

Cantina Frentana

Cataldi Madonna

Collefrisio

Contesa (new entry)

Dora Sarchese

Il Feuduccio di S. Maria d’Orni

Masciarelli

Montori

Olivastri Tommaso

Pepe Emidio

Pietrantonj Italo

Praesidium

Vini Biagi

Zaccagnini

Prosegue la stagione di prosa con “Fino alle stelle" Previous post Prosegue la stagione di prosa con “Fino alle stelle”
Abruzzo a Dubai, bilancio positivo Next post Abruzzo a Dubai, bilancio positivo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: