Un gruppo di ricercatori dell’Università della British Columbia, che sta lavorando allo sviluppo di una compressa di insulina orale in sostituzione delle iniezioni quotidiane di insulina, ha fatto una scoperta rivoluzionaria.

I ricercatori hanno scoperto che l’insulina contenuta nell’ultima versione di queste compresse orali viene assorbita dai topi allo stesso modo dell’insulina per via parenterale.

Questi risultati entusiasmanti dimostrano che siamo sulla strada giusta per sviluppare una formulazione di insulina che non dovrà più essere iniettata prima di ogni pasto, migliorando la qualità della vita e la salute mentale di oltre nove milioni di diabetici di tipo 1 in tutto il mondo”. Afferma il professor Anubhav Pratap-Singh, ricercatore principale della facoltà di Scienze del territorio e dei sistemi alimentari.

Spiega che l’ispirazione per la ricerca di un’insulina non iniettabile viene dal padre diabetico, che negli ultimi 15 anni si è iniettato l’insulina 3-4 volte al giorno.

Secondo il dottor Alberto Baldelli, ricercatore senior nel laboratorio del dottor Pratap-Singh, quasi il 100% dell’insulina contenuta nelle compresse finisce direttamente nel fegato. Nei precedenti tentativi di sviluppare un’insulina potabile, la maggior parte dell’insulina si accumulava nello stomaco.

Anche dopo due ore di somministrazione, non abbiamo trovato alcuna insulina nello stomaco dei topi che abbiamo testato. Era tutta nel fegato, che è il bersaglio ideale per l’insulina: è proprio quello che volevamo vedere”. Spiega Yigong Guo, primo autore dello studio e dottorando che ha lavorato al progetto.

Sviluppata una compressa di insulina orale con risultati rivoluzionari

Quando si tratta di somministrare l’insulina, le iniezioni non sono le più comode o convenienti per i pazienti diabetici. Ma dato che sono in fase di sperimentazione e sviluppo anche altre alternative all’insulina orale, il team dell’UBC ha cercato di capire dove e come facilitare un tasso di assorbimento più elevato.

Il team del Dr. Pratap-Singh ha sviluppato un diverso tipo di compressa che non è fatta per essere inghiottita, ma che si scioglie quando viene posizionata tra la gengiva e la guancia.

Questo metodo sfrutta la sottile membrana che si trova nel rivestimento della parte interna della guancia e del retro delle labbra (nota anche come mucosa buccale). In questo modo l’insulina arriva al fegato senza essere sprecata o decomposta lungo il percorso.

Per l’insulina iniettata, di solito sono necessarie 100 unità per iniezione. Altre compresse deglutite in fase di sviluppo che vanno nello stomaco potrebbero richiedere 500iu di insulina, che viene per lo più sprecata, e questo è un problema importante che abbiamo cercato di risolvere”. Sostiene Yigong.

La maggior parte delle compresse di insulina deglutite in fase di sviluppo tende a rilasciare l’insulina lentamente. Ciò nell’arco di due o quattro ore. Mentre l’insulina iniettata a rilascio rapido può essere rilasciata completamente in 30-120 minuti.

Analogamente all’insulina ad azione rapida iniettata, la nostra compressa a rilascio orale si assorbe dopo mezz’ora e può durare dalle due alle quattro ore”; dice il dottor Baldelli.

Compressa di insulina orale: potenziali ampi benefici

Lo studio deve ancora passare alla sperimentazione sull’uomo e per questo il Dr. Pratap-Singh afferma che saranno necessari più tempo, finanziamenti e collaboratori. Ma al di là degli evidenti benefici potenziali per i diabetici, la compressa che stanno sviluppando potrebbe anche essere più sostenibile, economica e accessibile. Conferma il dottor Pratap-Singh.

Più di 300.000 canadesi devono iniettarsi l’insulina più volte al giorno”, sottolinea il dottor Pratap-Singh. “Si tratta di un sacco di rifiuti ambientali dovuti agli aghi e alla plastica della siringa che potrebbero non essere riciclati e finire in discarica, cosa che non sarebbe un problema con una compressa orale”.

Spiega che la speranza è quella di ridurre il costo dell’insulina per dose, dato che l’alternativa orale potrebbe essere più economica e facile da produrre. Il trasporto delle compresse sarebbe più semplice per i diabetici, che attualmente devono pensare a mantenere le dosi al fresco.

In Abruzzo, invece, com’è la situazione?

Mostra di fotografia di Iacopo Pasqui Previous post Mostra di fotografia di Iacopo Pasqui
Pere e cioccolato, una torta deliziosa Next post Pere e cioccolato, una torta deliziosa