TERAMO. Erasmus: Ventuno studenti da cinque paesi stranieri saranno ospiti dell’Istituto d’istruzione superiore “Di Poppa-Rozzi” di Teramo, da lunedì prossimo 25 aprile fino al primo maggio.

Il soggiorno rientra nel progetto Erasmus+ “Code yourself into English” e vedrà in Abruzzo, in particolare, giovani provenienti da Turchia, Grecia, Romania, Croazia e Spagna per una delle mobilità di scambio culturale e di buone prassi didattiche, accompagnati da 11 docenti.

Progetto Erasmus: dal 25 aprile 21 studenti stranieri ospiti dell’Istituto Alberghiero di Teramo

Il progetto parte dai bisogni degli studenti e dalle loro aspettative riguardo l’apprendimento del linguaggio computazionale. e del pensiero critico per migliorare la conoscenza della lingua inglese attraverso l’utilizzo di nuovi strumenti tecnologici. Si propone di rendere più affascinante l’apprendimento della lingua straniera,. far acquisire competenze digitali e facilitare l’integrazione in un mondo avanzato per creare opportunità di sviluppo ed innovazione.

Le classi 3B, 2C e 5C dell’Istituto diretto dalla prof.ssa Caterina Provvisiero impegnate nelle varie fasi del progetto,. sotto la guida delle docenti referenti Simona de Fabiis e Paola Matriciani, hanno creato e vissuto ambienti di apprendimento stimolanti. Hanno promosso la creatività e lo spirito di iniziativa,. migliorato le competenze sull’utilizzo e la programmazione di app e programmi di codifica. e contribuito così alla creazione di uno sviluppo culturale ed economico secondo i valori propri dell’Unione Europea.

Durante la mobilità gli ospiti verranno guidati alla scoperta di nuove tecnologie attraverso una mostra di computer vintage. ed esposizione di strumenti per future generazioni,. avranno modo di integrare le conoscenze con nozioni di linguaggio Html. e di ascoltare e mettere in pratica le informazioni in workshops di programmazione di droni e stampanti 3D. Potranno così ampliare le loro abilità, analizzare i problemi criticamente, scoprire ed elaborare soluzioni trovando nessi tra cause ed effetti.

Infine tutti i lavori realizzati nelle varie fasi e nei diversi paesi saranno esposti virtualmente davanti ad esperti del mondo dell’informatica per una valutazione dell’intero progetto.

Simone Cerio Previous post Simone Cerio: Mostra personale del fotografo a Pescara
Graffiti in Italia dal VII al XVI scolo Next post Graffiti in Italia dal VII al XVI scolo