Expertise in Diabete gestazionale: la D'Annunzio è terza

Expertise in Diabete gestazionale: la D’Annunzio è terza

La “Gabriele d’Annunzio” sale sul podio dell’Expertise in Diabete gestazionale. La professoressa Ester Vitacolonna è tra i migliori ricercatori europei sul tema. Nei giorni scorsi è stata pubblicata la classifica redatta da “Expertscape.com”. L’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara è riuscita a posizionarsi al terzo posto in Italia.

La professoressa Ester Vitacolonna, docente di Scienze e Tecniche dietetiche, ha ottenuto a sua volta un brillante 6° posto per gli studi sul Diabete gestazionale. La docente è  operativa presso il Dipartimento di Medicina e Scienze dell’Invecchiamento dell’Ateneo. I criteri di eleggibilità in “Expertscape” prevedono la pubblicazione di studi e ricerche, per almeno 10 anni, su riviste internazionali indicizzate sul tema biomedico analizzato (“Major index heading”).

Expertise in Diabete gestazionale: la professoressa Ester Vitacolonna tra i migliori ricercatori europei

L’algoritmo ha preso in esame gli argomenti maggiori di ricerca per ogni pubblicazione dell’autore. Ha ignorato temi minori al fine dell’indicizzazione e dell’analisi. Guadagna la migliore
posizione chi svolge una attività scientifica testimoniata da attività di ricerca; ma anche di pubblicazioni edite rigorosamente su riviste internazionali. In questo contesto la ricerca sul “Diabete gestazionale” vede l’Università “d’Annunzio” coinvolta con il ricercatore che più ha prodotto sul tema durante il periodo di esame 2011-2021; collocandosi così ai primi posti in Italia e in Europa.

Nella classifica di “Expertscape.com”, la prof.ssa Ester Vitacolonna, si posiziona tra i maggiori esperti nel panorama italiano, con una posizione ragguardevole anche a livello Europeo (35°), insieme a prestigiosi e riconosciuti scienziati. Tali studi peculiari – spiega oggi la professoressa Ester Vitacolonna – sono stati condotti seguendo un filone di ricerca non comune, ma di grande importanza, perché la gravidanza rappresenta un momento cruciale per la salute non solo della madre e del figlio, ma anche della collettività: infatti la prevenzione dell’obesità e delle malattie metaboliche avviene sin dalla vita intrauterina.

***

L’attività di ricerca sul Diabete gestazionale e sugli effetti dell’obesità in gravidanza è svolta dalla professoressa Vitacolonna anche in veste di Coordinatore Nazionale del Gruppo di Studio interassociativo delle prestigiose AMD-SID “Diabete e Gravidanza” fino al 2018; in relazione ad alcuni temi strategici: criteri diagnostici del Diabete Gestazionale. Dieta e nutraceutici; studi di fisiopatologia dell’adipogenesi e quindi dell’obesità. Studi di varianti genetiche correlate alla nutrizione e studi di epigenetica.

I campi di interesse specifici della nutrizione umana si focalizzano sul ruolo della dieta e dei nutrienti in corso di gravidanza e dei geni correlati; fondamentali per l’influenza e la traslabilità sulla salute di tutta la popolazione. L’obiettivo è promuovere un approccio virtuoso e replicabile, mediante l’uso di metodologie tradizionali ed innovative.

Tale attività – aggiunge la prof.ssa Vitacolonna – è condotta grazie ai preziosi input della professoressa Margherita Forcucci e del professor Marco Liberati (Direttore dell’Ostetricia e Ginecologia della nostra Università); del professor Francesco D’Antonio e di tutti i colleghi del reparto di Ostetricia e Ginecologia. Nonché del professor. Diego Gazzolo, Direttore della Neonatologia della ASL Lanciano Vasto Chieti. Attualmente gli studi di nutrigenetica, nutrigenomica ed epigenetica sono condotti con l’indispensabile contributo del professor Liborio Stuppia, Direttore del Laboratorio di Genetica Molecolare dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara.

CSt. Per altre news qui

Paolo De Giosa allo 'Spazio Bianco' Previous post Paolo De Giosa allo ‘Spazio Bianco’
Vincenzo Olivieri al Teatro Massimo di Pescara Next post Vincenzo Olivieri al Teatro Massimo di Pescara
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: