Amici buongustai di Abruzzo Zoom oggi vi posto dei frollini al burro con farina di riso che definirei amabili! Sono gustosi, delicatamente friabili che si sciolgono in bocca. La ricetta, realizzata da mia madre che non ne ricorda l’origine è davvero ottima, dunque meritano di essere pubblicati sul nostro ricettario. Il vassoietto che vedete qui nella foto è stato pressoché divorato dalla famiglia in pochi minuti. Mi hanno poi chiesto di rifarli in dose doppia per fare colazione. Che golosi!!!! Però davvero, questi biscottini sono speciali provateli e fateci sapere.

Potete scrivere i vostri commenti sulla pagina Facebook ufficiale di Abruzzo Zoom! Non mancate!

Frollini al burro con farina di riso – Ingredienti:

250 gr di farina di riso

250 gr di burro

150 gr di farina 00

1 uovo

2 tuorli

1 bustina di vanillina

150 gr di zucchero semolato

zucchero a velo

1 limone non trattato

2 cucchiai di liquore all’arancia

un pizzico di sale

Procedimento:

Disponete nel mixer la farina di riso e la farina 00 con il burro morbido a pezzetti e frullate, fino ad ottenere un composto sbriciolato. Incorporate lo zucchero, la scorza del limone grattugiata, la vanillina, i tuorli, l’uovo, il liquore all’arancia e un pizzico di sale.

Frullate il composto, finché risulterà morbido. Trasferitelo in una tasca da pasticciere con bocchetta a stella e tenetelo in frigo per qualche minuto. Fate scendere il composto su una placca foderata con carta da forno, in modo da formare delle “S” spesse e ondulate. Cuocete i frollini in forno già caldo a 180° per circa 15′. Trasferiteli su un foglio di carta da forno e lasciateli raffreddare. Spolverizzateli con lo zucchero a velo, fatto scendere da un colino a maglie strette e servite. Buon appetito!


Se volete condividere con noi le vostre ricette scrivete a: abruzzozoom@gmail.com con ricetta e fotografie correlate. Tutto sarà pubblicato a vostro nome e condiviso sulle pagine social. Vi aspettiamo!

GOLDEN SHORT FILM FESTIVAL Previous post GOLDEN SHORT FILM FESTIVAL
Arti robotici e protesi: nuovi sensori avanzati Next post Arti robotici e protesi: nuovi sensori avanzati