L’esposizione cutanea intensa al fumo passivo può scatenare danni e causare malattie della pelle.

Il fumo passivo può permanere sulle superfici degli ambienti interni per un tempo indefinito. Questo causa un’esposizione potenzialmente dannosa sia per i fumatori che per i non fumatori. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista eBioMedicine, l’esposizione in fase acuta della pelle al fumo da tabacco determina un aumento dei biomarcatori associati all’insorgenza di malattie della pelle, come la dermatite da contatto e la psoriasi.

Danni da fumo passivo

Il fumo di terza mano è costituito dagli inquinanti residui del fumo da tabacco che rimangono sulle superfici. Ed ancora nella polvere dopo che lo stesso è stato consumato. Poi vengono riemessi nella fase gassosa o reagiscono con ossidanti e altri composti nell’ambiente per produrre inquinanti secondari.

Alcune sostanze chimiche del fumo passivo, tra cui la nicotina, reagiscono con gli ossidanti ambientali e producono inquinanti secondari, come le nitrosammine specifiche del tabacco, che sono dannose. Il fumo di terza mano può rimanere indefinitamente sulle superfici degli ambienti interni, causando un’esposizione potenzialmente dannosa sia per i fumatori che per i non fumatori. Le tre principali vie di contatto con il fumo derivato da terzi sono l’inalazione, l’ingestione e l’esposizione cutanea. La pelle è l’organo più grande a contatto e può ricevere la maggiore esposizione.

“Abbiamo scoperto che l’esposizione della pelle umana al fumo di terza mano avvia meccanismi di malattia infiammatoria della pelle e innalza i biomarcatori urinari di danno ossidativo, che potrebbero portare ad altre malattie, come il cancro, le malattie cardiache e l’aterosclerosi”, ha dichiarato il dottor Shane Sakamaki-Ching, ricercatore presso Kite Pharma.

È allarmante che l’esposizione cutanea acuta al fumo passivo imiti gli effetti nocivi del fumo di sigaretta”.

Allo studio hanno partecipato 10 non fumatori sani di età compresa tra i 22 e i 45 anni

Per tre ore, ogni partecipante ha indossato indumenti impregnati di fumo pregresso e ha camminato o corso su un tapis roulant per almeno 15 minuti ogni ora per indurre la sudorazione e aumentare l’assorbimento del fumo passivo attraverso la pelle.

I partecipanti non sapevano che gli indumenti contenevano fumo di terza mano. I campioni di sangue e di urina sono stati poi raccolti dai partecipanti a intervalli regolari per identificare i cambiamenti proteici e i marcatori dello stress ossidativo indotti dal fumo di terza mano. I partecipanti all’esposizione di controllo indossavano abiti puliti.

“Abbiamo scoperto che l’esposizione acuta al fumo di terza mano ha causato l’innalzamento dei biomarcatori urinari di danno ossidativo al DNA, ai lipidi e alle proteine, e che questi biomarcatori sono rimasti elevati anche dopo l’interruzione dell’esposizione”, ha dichiarato la dott.ssa Sakamaki-Ching.

“I fumatori di sigarette mostrano lo stesso innalzamento di questi biomarcatori. I nostri risultati possono aiutare i medici a diagnosticare i pazienti esposti al fumo trasmesso e a sviluppare politiche di regolamentazione per la bonifica degli ambienti interni contaminati dal fumo disperso”.

****

Le esposizioni al fumo presente nei 10 partecipanti sono state relativamente brevi e non hanno causato cambiamenti visibili nella pelle. Ciononostante, i biomarcatori molecolari nel sangue, associati all’attivazione in fase iniziale di dermatite da contatto, psoriasi e altre condizioni della pelle, sono risultati elevati.

“Questo sottolinea l’idea che l’esposizione cutanea al fumo di terza mano possa portare all’avvio molecolare di malattie della pelle indotte dall’infiammazione”, ha dichiarato il dott.

Gli autori intendono valutare i residui lasciati dalle sigarette elettroniche che possono entrare in contatto con la pelle umana. Inoltre, intendono valutare popolazioni più numerose esposte a periodi più lunghi di fumo di terza mano per via cutanea.

fumo passivo: danni

Il Cacao Previous post Il Cacao: non solo cibo degli dèi
Fabrizio Bentivoglio Next post Fabrizio Bentivoglio racconta Ennio Flaiano