CASTEL DI SANGRO – Il Reale di Romito al top per il Gambero Rosso. Lo chef abruzzese è in buona compagnia nella 33esima edizione della guida ai migliori Ristoranti d’Italia 2023, in quanto si trova insieme a Massimo Bottura e Heinz Beck. Sono 96 su 100 i punti assegnati alla cucina del celebre ristorante gourmet che batte ancora una volta, seppur di un solo punto, l’Osteria Francesca di Massimo Bottura e La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri di Heinz Beck.

Inoltre Niko Romito ha ricevuto il premio come miglior proposta vegetariana insieme al Gramen del Lefay Resort a Gargnano (BS) e Tenerumi del Therasia Resort a Vulcano (ME). Insomma, ancora una volta si è confermato un grande.

Il Reale di Romito al top per il Gambero Rosso

Queste le parole dello chef affidate ai suoi canali social: “Il Ristorante Reale è risultato il miglior ristorante d’Italia secondo la Guida del Gambero Rosso, con il punteggio di 96/100 e il nostro menu degustazione è stato riconosciuto come la miglior proposta vegetariana. La scelta di dedicare il percorso di degustazione al vegetale non è stata facile, ma è stata un’evidenza per me. Questo menu non è figlio di una tendenza, è il compimento di un lavoro di ricerca che portiamo avanti da oltre vent’anni. Oggi il vegetale è ciò che meglio esprime la mia filosofia di cucina e, soprattutto, la mia visione del futuro. Cucinare per me significa prima di tutto fare ricerca per aprire delle nuove strade, ed è con il vegetale che ho sempre avuto le sfide tecniche e creative più stimolanti. Grazie a tutto il mio gruppo”.

E sul palco di Spazio Field, a Palazzo Brancaccio, Niko Romito ha aggiunto: “Non è stato facile trasformare il menu degustazione del ‘Reale’ in proposta solo ed esclusivamente vegetale, ho ricevuto subito disdette a tavola per questo. Una scelta non dettata dalla per moda ma dalle possibilità del vegetale di indicare un percorso nuovo in un momento in cui si cerca una nuova direzione”.

Ossitocina: proprietà terapeutiche per il cuore Previous post Ossitocina: proprietà terapeutiche
Patrick Dempsey in Abruzzo Next post Patrick Dempsey in Abruzzo