Ogni 10 novembre, alle ore 18.00, vigilia della festa di San Martino, a Scanno. Si rinnova una delle tradizioni più antiche e suggestive: le “Glorie di San Martino”.

E’ un evento che affonda le radici in tempi remoti e destinato a perpetuarsi nel tempo perché vede come protagonista l’entusiasmo incoercibile dei ragazzi che a centinaia, fin dalla prima decade di ottobre, accorrono a raccogliere legna, frasche e ogni materiale che prometta di ardere.

Le Glorie di San Martino – Scanno (Aq)

“Le Glorie”, enormi fasci di legna, ammassati con pazienza certosina fino a raggiungere altezze notevoli, vengono preparate con largo anticipo e poi incendiate al calar della sera su tre poggi che circondano il paese a mo’ di anfiteatro. I rioni  Plaia, Cardella, S. Martino, risplendono d’improvviso di immensi falò mentre la gente assiste, divertita e raccolta ad un tempo. Come di fronte ad un rito e, a seconda della contrada di appartenenza, o per un legame affettivo che risale ai tempi dell’infanzia, ognuno dichiara migliore questa o quella “gloria”.  La più alta e la più antica è quella posta davanti alla grotta del santo, presso la contrada De Contra.

Quando il fuoco comincia a languire, i ragazzi discendono dalle alture e percorrono il paese con campanacci e strumenti vari per concludere l‘indimenticabile giornata tra risate e libagioni con il dono scherzoso del “palancone” (il tizzone centrale del falò vincitore), ormai carbonizzato, quale augurio per un’unione prosperosa e felice alla novella sposa del paese. L’enorme frastuono dura fino a notte tarda. I fritti caratteristici di questa festa vengono detti: “turcinielli”.

info@visitscanno.com

+39 351 663 7076 (WA)

Scanno

Garanzia di occupabilità Previous post Garanzia di occupabilità dei lavoratori
Pane bianco ricetta con semi di sesamo Next post Pane bianco ricetta con semi di sesamo