É stata inaugurata mercoledì 7 dicembre, nella Galleria Mariz di Francavilla al Mare,. la mostra curata dal critico d’arte Massimo Pasqualone.Oltre lo sguardo (1946-1968) – L’arte italiana dal secondo dopoguerra alla contestazione”, con oltre 60  opere in mostra fino al 15 gennaio, tra cui opere di Baj, Vespignani, Rotella, Festa,. Greco, Fiume, Gonzaga, Guttuso, Nespolo, Pace, Schifano, Treccani, Sassu.

Oltre lo sguardo (1946-1968) – L’arte italiana dal secondo dopoguerra alla contestazione – Francavilla al mare (CH)

Pasqualone ricorda come “la galleria Mariz offra, per la seconda volta, un evento unico per la città di Francavilla al Mare e per la nostra Regione, . con la possibilità di ammirare gratuitamente un particolare capitolo della storia dell’arte italiana, dal 1946 al 1968,. con un interessante excursus tra i grandi nomi dell’arte italiana del Secondo Dopoguerra,. le varie influenze ed i vari movimenti artistici e le avanguardie .che hanno caratterizzato la rinascita del nostro paese: Pop Art, Neorealismo,. Movimento Nucleare, Arte Informale, Metafisica.”

L’evento è organizzato in collaborazione con il Liceo Scientifico “F. Masci” Chieti.

Pagina Facebook – Galleria d’Arte Mariz

Oltre lo sguardo – Francavilla al mare

Fino al 13 gennaio: “Un altro viaggio in Italia. Luoghi, storia e memorie della seconda guerra mondiale”

Da dicembre 2022 è aperta a Pescara la mostra “Un altro viaggio in Italia. Luoghi, storia e memorie della seconda guerra mondiale”. Realizzata dall’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri”, con la collaborazione dell’associazione. Paesaggi della memoria e il finanziamento del Fondo italo-tedesco per il futuro,. la mostra è stata organizzata a Pescara dalla Fondazione Brigata Maiella in collaborazione con la Fondazione Pescarabruzzo.

La mostra è un viaggio ideale tra i luoghi reali della Seconda guerra mondiale in Italia

Viaggio in Italia, è il titolo del celebre Grand Tour compiuto da Goethe alla fine del Settecento nel nostro Paese. La suggestione è stata ripresa per proporre al pubblico europeo un altro (e diverso) viaggio nella penisola, i cui protagonisti sono un giovane visitatore tedesco ed una sua coetanea italiana. Il primo, incuriosito dai luoghi legati alla Seconda guerra mondiale e alla Resistenza in Italia, si lascia guidare dalle spiegazioni e dalle osservazioni della seconda, instaurando con lei un dialogo volto a superare i reciproci pregiudizi.

“Un altro viaggio in Italia. Luoghi, storia e memorie della seconda guerra mondiale in Italia” è perciò un percorso nello spazio e nel tempo. Al visitatore vengono fornite non solo le indicazioni sul quadro storico, ma soprattutto gli spunti per riflettere su ciò che è stata la guerra degli italiani; su come l’hanno vissuta e ricordata; sul perché oggi, quando ormai i protagonisti diretti stanno scomparendo, i luoghi possono diventare testimoni, se interrogati con le giuste domande. Oltre lo sguardo

***

Dieci sono le questioni centrali individuate per comprendere la Seconda guerra mondiale in Italia: Fascismo e antifascismo; Guerre fasciste; Italia divisa; Occupazione tedesca; Antisemitismo e Shoah; Deportazioni e internamenti; Guerra Tedesca; Guerra Alleata; Resistenze; Dopoguerra. Per ciascun tema è stato scelto un luogo simbolo, affiancato da altri otto luoghi particolarmente significativi. Collegati tra loro, tutti i luoghi costituiscono un vero e proprio itinerario fisico e tematico, che tocca l’intera penisola trattando della storia e memoria della Seconda guerra mondiale dalle origini fino al dopoguerra.

I luoghi sono al centro del dialogo immaginario tra i due giovani protagonisti, ma vengono raccontati anche attraverso testi storici, citazioni memoriali, fotografie, cronologie, infografiche, mappe originali ed approfondimenti in rete.
La mostra sarà visitabile fino al 13 gennaio 2023 con i seguenti orari di apertura al pubblico: dal mercoledì al venerdì dalle ore 17.00 alle ore 20.00; il sabato e la domenica della ore 16.00 alle ore 20.00.
Realizzata in italiano, inglese e tedesco con uno stile semplice e divulgativo, la mostra intende avvicinare un pubblico giovane e internazionale alla complessa storia dell’Italia nella Seconda guerra mondiale. Saranno possibili visite guidate per le scolaresche previo appuntamento.

Alessandra De Nicola

***

Fondazione Brigata Maiella
Corso Umberto I, 83
65122 Pescara
tel. +39.085.4219109 fax +39.085.4219380
sito: www.fondazionebrigatamaiella.it
e-mail: brigatamaiella1943@libero.it
twitter: @BrigataFond

Oltre lo sguardo
Aspettando Godot Previous post Aspettando Godot, con Lello Arena
Nuovo allestimento stagione di prosa Caniglia Next post Nuovo allestimento stagione di prosa Caniglia