Pane come quello delle Nonne

Il Pane “come quello delle Nonne”, (nonostante ogni regione si differenzi per composizione e procedura) è il più buono e “nostalgico” di sempre. Nella sua unica semplicità, quest’alimento povero e genuino, si presta a tantissime elaborazioni. Antipasti/Bruschette, semplice, tostato e messo a cubetti nel brodo, con l’olio d’oliva e pomodoro … insomma, di tutto e di più!

La storia del pane, probabilmente è una delle più antiche del mondo e, secondo i luoghi ne subisce la fantasia e gli espedienti, che lo valorizzano e lo arricchiscono in ogni modo. Pane alle olive, pane farcito o dolce, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Quest’alimento secolare è sicuramente un meraviglioso esempio di patrimonio artistico-culinario. Oggi, proponiamo una delle tante versioni e se sei un appassionato, puoi dare anche uno sguardo alla versione del pane alla birra.

Pane come quello delle Nonne: ingredienti

 

Per il lievito Madre:

  • 10 grammi di lievito
  • 60 ml d’acqua
  • 200 g di farina
  • 125 ml di latte
  • 1 cucchiaio di Estratto di malto.

IMPASTO:

  • 300 g di farina specifica per il pane
  • Sale
  • 10 grammi di lievito
  • 200 ml d’acqua

Preparazione

Per il lievito madre. Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida; Unire la farina e amalgamare con il latte e il malto fino a ottenere un composto denso. Poi coprire con un panno e lasciare fermentare per 12 ore.

Per l’impasto. Disporre a Fontana la farina setacciata con il sale e versarvi all’interno il lievito sciolto in 100 ml d’acqua tiepida e il lievito madre. Amalgamare lavorando bene, prima di aggiungere l’acqua rimasta, ottenendo un impasto morbido.

Lavorarlo per altri 5 minuti prima di coprirlo con un panno e lasciarlo riposare per 10 minuti. Impastare poi per altri 5 minuti, fare una palla e metterla in una terrina coperta da un panno (o coperto da pellicola alimentare) e far lievitare per due ore circa, finché triplica di volume. A questo punto sgonfiare l’impasto e lavorarlo bene per altri 5 minuti, poi lasciarlo lievitare finché e raddoppia di volume.  Adesso accendete il forno, modalità statica a 200°.

Spolverizzare di farina la pagnotta e incidere la superficie con un disegno a quadri o a linee oblique. Cuocere in forno già caldo per 50 minuti circa.

abruzzo dove andare Previous post Abruzzo dove andare: flora e storia
Maison des Arts della Fondazione Pescarabruzzo Next post Maison des Arts della Fondazione Pescarabruzzo
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: