Peperoncino Abruzzese e capsaicina

Dai toni accesi al sapore corposo, il peperoncino abruzzese lo ritroviamo in ogni stagione. Fresco, sott’olio essiccato è sempre presente nelle nostre cucine maggiormente nei primi piatti o nelle zuppe. Ma cos’è che rende questa bacca piccante così peculiare? Si tratta della capsaicina, un composto chimico presente nelle membrane interne dei peperoncini che produce la sensazione di bruciore in bocca quando viene ingerito.

Peperoncino Abruzzese: come la capsaicina apporta benefici per la salute

A seconda della varietà di peperoncino, il grado di piccantezza varia e viene misurato sulla scala Scoville. Applicata sulla pelle come crema topica, la capsaicina può alleviare alcuni dolori dell’artrite o il dolore associato alla nevralgia posterpetica, la complicazione più comune dell’herpes zoster.

Alla prima applicazione, la crema provoca spesso una sensazione di bruciore, arrossamento locale e infiammazione. Stiamo quindi soffrendo un dolore aggiuntivo per alleviare il dolore iniziale?

“Può sembrare paradossale, ma sì, stiamo combattendo il fuoco con il fuoco“, ha dichiarato il professor Réjean Couture, ricercatore del Dipartimento di Farmacologia e Fisiologia dell’Università di Montreal. “La capsaicina attiva un nocicettore (recettore del dolore) situato all’estremità dei neuroni sensoriali della pelle (fibre C)”. “Quando questo nocicettore viene stimolato da una quantità eccessiva di capsaicina attraverso ripetute applicazioni topiche, la fibra C finisce per impoverirsi dei neurotrasmettitori che inviano i segnali di dolore al cervello”.

“In breve, ipersensibilizziamo il sistema e poi lo desensibilizziamo per alleviare temporaneamente il dolore causato dal virus dell’herpes zoster o da altri tipi di infiammazione neurogenica che coinvolgono le fibre C”.

Sebbene sia possibile alleviare il dolore applicando una crema alla capsaicina sulla pelle, il modo più comune per entrare in contatto con la capsaicina è ovviamente mangiarla

“Se ingerita, ha potenziali benefici antiossidanti, anticancerogeni e antiobesogeni”, ha dichiarato la professoressa Valérie Marcil, ricercatrice del Dipartimento di Nutrizione dell’Università di Montreal.

“Innanzitutto, la capsaicina può influire sul ciclo di vita delle cellule tumorali promuovendo l’apoptosi, la morte programmata delle cellule. Questo è un meccanismo che spesso non funziona normalmente nelle cellule tumorali. Esse sopravvivono e si moltiplicano, mentre avrebbero dovuto essere distrutte dall’apoptosi”.

“Ma ci sono prove che la capsaicina può aiutare a distruggere alcune cellule tumorali. Inoltre, si ritiene che la molecola di capsaicina abbia proprietà anti-obesogene, in quanto aumenta il dispendio energetico e la sensazione di sazietà”.

“Ma la capsaicina non è una panacea. E mentre i suoi benefici sono stati dimostrati in studi in vitro, la sua efficacia nell’uomo non è stata provata. Questo è il caso di tutti i nutrienti”; ha aggiunto.

“Nella vita reale non si mangiano nutrienti, ma alimenti. E un alimento non è un farmaco. Dobbiamo essere cauti nel parlare dei poteri degli alimenti, poiché gli effetti reali sono spesso il risultato di una combinazione di fattori”.

Peperoncino Abruzzese: conclusioni

Nel 2021, un team di ricercatori dell’Istituto di Microbiologia, Malattie Infettive e Immunologia, della Charité e della Humboldt-Universität zu Berlin ha dimostrato che la capsaicina è una promettente opzione complementare per il trattamento delle infezioni batteriche resistenti agli antibiotici.

Pur non essendo abbastanza potente da sostituire gli antibiotici, può ridurre la quantità di antibiotici necessari per trattare le infezioni batteriche e diminuire il rischio di sviluppare una resistenza.

“È una strada che vale la pena esplorare”; ha dichiarato il professor Yves Brun, microbiologo del Dipartimento di Microbiologia, Malattie Infettive e Immunologia dell’Università di Montreal. “Gli approcci che combinano due molecole presentano una serie di vantaggi, poiché possono avere un effetto sinergico. La capsaicina è ben assorbita dall’organismo e non sembra essere tossica, almeno alla dose ingerita. Tuttavia, non conosciamo il suo meccanismo d’azione, quindi è da qui che dovrebbero partire ulteriori ricerche”.

“I meccanismi molecolari sottostanti devono essere meglio compresi e la traduzione dei risultati in vitro in modelli in vivo dovrà essere convalidata in futuri studi clinici. Ma se gli effetti sono antiossidanti, anti obesogeni, antibiotici o semplicemente deliziosamente piccanti, non c’è motivo di rinunciare alla salsa piccante!”.

Peperoncino Abruzzese
Peperoncino Abruzzese

Sci.Tech.

Bonus Psicologo Previous post Bonus Psicologo: ecco come funziona
Progetti contro la povertà: al via i finanziamenti Next post Progetti contro la povertà: al via i finanziamenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: