Rigenerazione culturale a Rocca San Giovanni

ROCCA SAN GIOVANNI – Rigenerazione culturale, è stato presentato il progetto integrato dei borghi di Rocca San Giovanni e Gamberale al fine di renderli attrattivi ed evitarne lo spopolamento. Proprio così. Si chiama Sea-Mountain/Work & Study on Vacation. Questo il nome dell’iniziativa che si realizzerà con la creazione di servizi innovativi che miglioreranno le condizioni di vivibilità e le opportunità all’interno dei paesi e che saranno il motore degli stessi. Si promuoveranno la storia, la cultura e le tradizioni del luogo. Laboratori multidisciplinari, degustazioni e vendita di prodotti tipici, uffici di quartiere, orti didattici e laboratori produttivi, teatro all’aperto e cinema diffuso saranno solo alcuni degli interventi animati da giovani e adulti che vorranno dedicarsi al progetto.

”La collaborazione tra piccoli comuni è fondamentale – spiega il sindaco di Rocca San Giovanni Fabio Caravaggio – come amministrazione lo abbiamo ribadito più volte. Lavorare in sinergia permette la crescita culturale ed economica di un territorio. Per questo abbiamo deciso di progettare un’idea di promozione che vada dalla terra al mare. Cercando di valorizzare le caratteristiche dei due borghi e di creare percorsi condivisi”.

Non solo. L’iniziativa, che rientra nell’ambito degli investimenti del Piano nazionale di ripresa e resilienza, costa 2 milioni di euro. Il progetto ha l’obiettivo di creare un ambiente socio-culturale dinamico che permetta al territorio di riferimento di realizzare le condizioni per un concreto sviluppo occupazionale e turistico. L’idea si basa sulla possibilità di utilizzare spazi esistenti riadattandoli alle nuove esigenze dello smart working. In tal modo si potrà lavorare ovunque e dovunque.

Rigenerazione culturale a Rocca San Giovanni e Gamberale

E non è finita. Chiunque potrà operare a stretto contatto con le tradizioni, le usanze e la cultura del borgo, riscoprendole e valorizzandole. I servizi saranno gestiti con l’impiego di risorse umane selezionate principalmente sul territorio. Si punterà a sanare quella che può essere definita la più grande piaga dei borghi di piccola dimensione: lo spopolamento. Il progetto ha l’ulteriore obiettivo di portare alla luce lo splendore storico dei due centri. Lo farà creando un ambiente dinamico ed una rete di interazioni e sinergie.

“I nostri borghi sono distanti tra loro circa 60 km e con un dislivello sul mare di circa 1300 metri – sostiene il sindaco di Gamberale Maurizio Bucci – Caratteristiche che potrebbero sembrare contrastanti ma che rappresentano, invece, il punto di forza per la creazione del turismo annuale. Inoltre l’esodo dai piccoli centri, in seguito alla pandemia, sembra avviarsi verso un processo contrario”.

“Sea-Mountain/Work & Study on Vacation” è un progetto, quindi, che attrae turisti e lavoratori attraverso l’istituzione di servizi innovativi in grado di incrementare le presenze durante tutto l’anno, e non solo durante la stagione più congeniale. E che dà le giuste opportunità agli abitanti del posto di poter trovare occupazione o di essere facilitati nello strutturare un’attività imprenditoriale nel luogo dove sono nati e cresciuti. Staremo a vedere.

La musica dei Nomadi ad Atri Previous post La musica dei Nomadi ad Atri
Giornate di studio sul miele Next post Giornate di studio sul miele
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: