Seppie Ripiene. Una nostra lettrice, ha voluto condividere con Abruzzo Zoom una sua ricetta e scrive:

“Devo confessarvi una cosa: non sono molto brava a cucinare il pesce! Però mi piace tanto mangiarlo. Così questa mattina ho acquistato delle seppie e dei gamberetti freschissimi e con l’aiuto del mio Bimby, ho preparato per la cena di questa sera due ricettine semplici e sfiziose. Seppie ripiene e spiedini di pesce. Il risultato è stato ottimo e in famiglia hanno apprezzato e mi hanno fatto i complimenti”.

Seppie ripiene ecco come sono state realizzate

Ingredienti per il ripieno:

  • 600 gr di seppie pulite
  • 100 gr di pane raffermo  
  • 20 gr di prezzemolo
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 uovo
  • 2 filetti di acciuga (facoltativo)
  • 10 gr di olio
  • sale e pepe q.b.

Per il sugo:

  • 30 gr di olio
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 peperoncino (a piacere)
  • 400 gr di passata di  pomodoro
  • 50 gr di vino bianco secco
  • 50 gr di acqua
  • 2 gambi di prezzemolo
  • sale q.b.
***

Tritare il pane, l’aglio e il prezzemolo: 10 sec velocità 7. Unire i tentacoli: 5 secondi  velocità 5, aggiungere tutti gli altri ingredienti del ripieno e mescolare: 10 secondi velocità 2. Farcire le seppie e sistemarle nel cestello. Nel boccale, soffriggere olio e aglio: 3 minuti temperatura varoma velocità 1. Sfumare con il vino, aggiungere la passata e l’acqua. Aggiustare di sale, a piacere aggiungere il peperoncino, e un gambo di prezzemolo. Inserire il cestello con le seppie e cuocere 30 minuti temperatura varoma velocità 1. A cottura ultimata, togliere le seppie dal cestello, metterle in una pirofila e versare sopra il sugo.

A detta della nostra lettrice Roberta, sono davvero buone queste seppie ripiene quindi: perché non provarle? Nel frattempo se anche voi volete condividere con Abruzzo Zoom le vostre ricette scriveteci a: abruzzozoom@gmail.com

Risparmio energetico: una lettera speciale Previous post Risparmio energetico: una lettera speciale
Il Medioevo fantastico: incontro con Paolo Mieli Next post Il Medioevo fantastico: incontro con Paolo Mieli